frasi semplici al presente indicativo assai utili per un rosario nell’anniversario prossimo della rivoluzione d’ottobre.


$_57b

uno spettro s’aggira

le potenze si alleano

gli avversari tacciano il partito di comunismo

il partito rilancia l’accusa

le conclusioni scaturiscono

le potenze riconoscono il comunismo come potenza

è tempo

i comunisti espongono il modo

i comunisti espongono le tendenze

i comunisti espongono i fini

i comunisti contrappongono un manifesto alla favola

i comunisti si riuniscono

i comunisti redigono il manifesto

i comunisti pubblicano il manifesto

la storia è storia

tutti sono in contrasto

tutti conducono una lotta

la lotta finisce

si trova un’articolazione

si hanno le classi

la società sorge dal tramonto

la società elimina gli antagonismi

la società sostituisce le classi alle classi

la società sostituisce le condizioni

la società sostituisce le forme

l’epoca si distingue

l’epoca semplifica gli antagonismi

la società si scinde

le classi si contrappongono

il popolo sorge dai servi

gli elementi si sviluppano dal popolo

la scoperta crea un terreno

la circumnavigazione crea un terreno

il mercato dà slancio al commercio

il mercato imprime uno sviluppo

l’esercizio non basta

il fabbisogno aumenta

la manifattura subentra

il ceto soppianta i maestri

la divisione scompare

i mercati crescono

il fabbisogno sale

la manifattura è sufficiente

il vapore rivoluziona la produzione

l’industria subentra all’industria

i milionari subentrano al ceto

l’industria crea il mercato

la scoperta prepara il mercato

il mercato dà sviluppo al commercio

lo sviluppo reagisce

l’industria si estende

la borghesia si sviluppa

la borghesia accresce i capitali

la borghesia respinge le classi

la borghesia è il prodotto

il progresso accompagna lo sviluppo

la borghesia si conquista il dominio

il potere è un comitato

il comitato amministra gli affari

la borghesia ha una parte

la borghesia raggiunge il dominio

la borghesia distrugge le condizioni

la borghesia lacera i vincoli

i vincoli legano l’uomo

la borghesia lascia un vincolo

la borghesia affoga i brividi

la borghesia discioglie la dignità

la borghesia mette la libertà al posto delle libertà

la borghesia mette lo sfruttamento al posto dello sfruttamento

la borghesia spoglia le attività

noi veneriamo le attività

noi consideriamo le attività

la borghesia tramuta il medico

la borghesia strappa il velo

la borghesia riconduce il rapporto a un rapporto

la borghesia svela qualcosa

la reazione ammira la manifestazione

la manifestazione ha un’integrazione

la borghesia dimostra qualcosa

l’attività compie qualcosa

l’attività compie meraviglie

l’attività porta a termine le spedizioni

la borghesia esiste

la borghesia rivoluziona gli strumenti

la borghesia rivoluziona i rapporti

il mantenimento è una condizione

lo scuotimento contraddistingue l’epoca

i rapporti si dissolvono

le idee invecchiano

le idee si fissano

tutto si volatilizza

noi profaniamo la cosa

qualcosa costringe gli uomini

gli uomini guardano la posizione

il bisogno sospinge la borghesia

la borghesia percorre il globo

la borghesia si annida

la borghesia costruisce le basi

la borghesia crea relazioni

la borghesia dà un’impronta

la borghesia toglie il terreno

la borghesia distrugge le industrie

le industrie soppiantano le industrie

l’introduzione diventa una questione

le industrie lavorano le materie

noi consumiamo i prodotti

i bisogni subentrano ai bisogni

si soddisfano i bisogni

i bisogni esigono i prodotti

lo scambio subentra all’autosufficienza

i prodotti divengono un bene

l’unilateralità diventa impossibile

la ristrettezza diventa impossibile

una letteratura si forma

la borghesia trascina le nazioni

i prezzi sono l’artiglieria

la borghesia spiana le muraglie

la borghesia costringe alla capitolazione la xenofobia

la borghesia costringe le nazioni

le nazioni adottano il sistema

le nazioni vanno in rovina

le nazioni introducono la civiltà

le nazioni diventano borghesi

la borghesia si crea un mondo

la borghesia assoggetta la campagna

la borghesia crea le città

la borghesia accresce la cifra

la borghesia strappa la popolazione all’idiotismo

la borghesia rende la campagna dipendente

la borghesia rende i paesi dipendenti

la borghesia elimina la dispersione

la borghesia agglomera la popolazione

la borghesia centralizza i mezzi

la borghesia concentra la proprietà

la centralizzazione è una conseguenza

la borghesia stringe le province

la borghesia crea le forze

le generazioni fanno qualcosa

le popolazioni sorgono dal suolo

il secolo immagina qualcosa

le forze sono sopite

noi vediamo qualcosa

la borghesia si costituisce

si producono i mezzi

la società produce

la società scambia

i rapporti non corrispondono alle forze

i rapporti inceppano la produzione

i rapporti promuovono la produzione

i rapporti si trasformano

qualcosa spezza le catene

la concorrenza subentra alle catene

un moto si svolge

la società crea i mezzi

la società rassomiglia al mago

il mago domina le potenze

il mago evoca le potenze

la storia è storia

i rapporti costituiscono le condizioni

noi ricordiamo le crisi

le crisi mettono in forse l’esistenza

qualcosa distrugge i prodotti

l’epidemia scoppia

l’epidemia appare un assurdo

qualcosa riconduce la società alla barbarie

la carestia taglia i mezzi

la guerra taglia i mezzi

l’industria sembra distrutta

il commercio sembra distrutto

la società possiede la civiltà

le forze sono a disposizione

le forze servono a qualcosa

le forze promuovono la civiltà

le forze divengono potenti

i rapporti ostacolano le forze

le forze superano l’ostacolo

le forze mettono in disordine la società

le forze mettono in pericolo la proprietà

i rapporti divengono angusti

i rapporti contengono la ricchezza

i rapporti producono la ricchezza

la borghesia supera le crisi

la borghesia previene le crisi

le armi servono alla borghesia

la borghesia atterra il feudalesimo

le armi si rivolgono contro la borghesia

la borghesia fabbrica le armi

le armi portano la morte

la borghesia genera gli uomini

gli uomini impugnano le armi

la borghesia si sviluppa

il proletariato si sviluppa

gli operai vivono

gli operai trovano lavoro

il lavoro aumenta il capitale

gli operai sono costretti

gli operai si vendono

gli operai sono una merce

gli operai sono esposti alle vicende

il lavoro perde il carattere

l’operaio diviene un accessorio

si richiede all’operaio un’operazione

l’operaio impara l’operazione

le spese si limitano ai mezzi

l’operaio ha bisogno dei mezzi

il prezzo è uguale ai costi

il salario decresce

il tedio aumenta

la massa aumenta

si esige il lavoro

l’industria trasforma l’officina

si organizzano le masse

si pongono le masse sotto sorveglianza

gli operai sono servi

la macchina asservisce gli operai

il dispotismo è meschino

il dispotismo proclama il fine

il lavoro esige abilità

l’industria si sviluppa

il lavoro soppianta il lavoro

le differenze hanno un valore

gli strumenti ci sono

gli strumenti costano

lo sfruttamento termina

si paga il salario all’operaio

la borghesia si getta su di lui

gli ordini sono quelli

qualcuno vive di rendite

le classi precipitano nel proletariato

il capitale è sufficiente

il capitale soccombe

la produzione svaluta l’abilità

si recluta il proletariato

il proletariato passa attraverso lo sviluppo

la lotta comincia

gli operai lottano contro il borghese

il borghese sfrutta gli operai

gli operai dirigono gli attacchi

gli operai distruggono le merci

le merci fanno concorrenza agli operai

gli operai fracassano le macchine

gli operai danno fuoco alle fabbriche

gli operai riconquistano la posizione

gli operai costituiscono una massa

la solidarietà è un risultato

la borghesia mette in movimento il proletariato

i proletari combattono i nemici

il movimento è concentrato nelle mani

una vittoria è una vittoria

il proletariato si moltiplica

si addensa il proletariato in masse

la forza cresce

il proletariato sente la forza

gli interessi si agguagliano

le macchine cancellano le differenze

il salario discende

le crisi derivano dalla concorrenza

le crisi rendono il salario oscillante

lo sviluppo rende incerta l’esistenza

le collisioni assumono il carattere

gli operai formano coalizioni

gli operai si riuniscono

gli operai difendono il salario

gli operai fondano associazioni

gli operai si approvvigionano

la lotta prorompe

gli operai vincono

il risultato è il successo

l’unione si estende

i mezzi favoriscono l’unione

i prodotti mettono in collegamento gli operai

il collegamento basta

le lotte si centralizzano

le lotte hanno un carattere

la lotta è lotta

i cittadini hanno bisogno di secoli

i proletari attuano l’unione

la concorrenza spezza l’organizzazione

l’organizzazione risorge

l’organizzazione impone il riconoscimento

l’organizzazione approfitta delle scissioni

così è

i conflitti promuovono il processo

la borghesia è in lotta

gli interessi vengono a contrasto col progresso

la borghesia fa appello al proletariato

la borghesia si vale dell’aiuto

la borghesia trascina il proletariato

la borghesia reca gli elementi

si vede qualcosa

il progresso precipita la classe nel proletariato

il progresso minaccia le condizioni

le classi arrecano gli elementi

la lotta si avvicina al momento

il processo assume un carattere

la parte si distacca dalla classe

la parte si unisce alla classe

la classe tiene in mano l’avvenire

la nobiltà passa alla borghesia

la borghesia passa al proletariato

gli ideologi giungono all’intelligenza

le classi stanno di fronte alla borghesia

il proletariato è una classe

le classi decadono

le classi tramontano

il proletariato è il prodotto

tutti combattono la borghesia

tutti premuniscono l’esistenza dalla scomparsa

tutti sono rivoluzionari

tutti sono conservatori

tutti sono reazionari

la ruota gira all’indietro

tutti sono rivoluzionari

tutti difendono gli interessi

tutti abbandonano il punto di vista

tutti si mettono dal punto di vista

il sottoproletariato è scagliato qua e là

il sottoproletariato si lascia comprare

le condizioni sono annullate

il proletariato è senza proprietà

il rapporto ha qualcosa

il lavoro spoglia il rapporto

le leggi sono pregiudizi

gli interessi si nascondono

le classi si conquistano il potere

le classi garantiscono la posizione

le classi assoggettano le società alle condizioni

i proletari si conquistano le forze

i proletari aboliscono il sistema

c’è un sistema

i proletari salvaguardano qualcosa

i proletari distruggono le sicurezze

i proletari distruggono le assicurazioni

ci sono le sicurezze

ci sono le assicurazioni

i movimenti sono movimenti

i movimenti avvengono

il movimento è il movimento

il proletariato si solleva

il proletariato si drizza

la soprastruttura salta per aria

gli strati formano la società

la lotta è lotta

il proletariato se la sbriga con la borghesia

noi delineiamo le fasi

noi seguiamo la guerra

la guerra erompe in rivoluzione

il proletariato fonda il dominio

la società si basa sul contrasto

si opprime una classe

si assicurano le condizioni alla classe

la classe stenta la vita

il servo lavora

il servo si eleva

l’operaio si eleva

l’industria progredisce

l’operaio scende al di sotto delle condizioni

l’operaio diventa povero

il pauperismo si sviluppa

la borghesia rimane una classe

la borghesia impone le condizioni

la borghesia domina

la borghesia garantisce l’esistenza

lo schiavo sprofonda in una situazione

lo schiavo nutre la situazione

la situazione nutre lo schiavo

la società vive sotto la classe

l’esistenza è compatibile con la società

la ricchezza si accumula nelle mani

il lavoro è una condizione

il lavoro poggia sulla concorrenza

la borghesia è un veicolo

l’unione subentra all’isolamento

si toglie il terreno di sotto ai piedi

la borghesia produce i prodotti

la borghesia si appropria dei prodotti

la borghesia produce i seppellitori

il tramonto è inevitabile

la vittoria è inevitabile

i comunisti sono in rapporto con i proletari

i comunisti sono un partito

i comunisti hanno interessi

i comunisti pongono principi

i comunisti modellano il movimento

i comunisti si distinguono dai partiti

i comunisti mettono in rilievo gli interessi

i comunisti fanno valere gli interessi

i comunisti sostengono l’interesse

i comunisti sono una parte

i comunisti hanno un vantaggio

i comunisti comprendono le condizioni

lo scopo è lo stesso

le proposizioni poggiano sulle idee

le proposizioni sono espressioni

il movimento si svolge

l’abolizione è qualcosa

i rapporti sono soggetti ai cambiamenti

la rivoluzione abolisce la proprietà

l’abolizione contraddistingue il comunismo

la proprietà è un’espressione

l’appropriazione poggia sugli antagonismi

l’appropriazione poggia sullo sfruttamento

i comunisti riassumono la teoria

a noi si rinfaccia qualcosa

noi aboliamo la proprietà

la proprietà costituisce il fondamento

voi parlate della proprietà

la proprietà precede la proprietà

noi aboliamo la proprietà

lo sviluppo abolisce la proprietà

voi parlate della proprietà

il lavoro crea proprietà

il lavoro crea il capitale

la proprietà sfrutta il lavoro

il capitale si moltiplica

il capitale genera lavoro

il capitale sfrutta il lavoro

la proprietà si muove

noi esaminiamo i termini

essere significa occupare

il capitalista è capitalista

il capitalista occupa la posizione

il capitale è un prodotto

l’attività mette in moto il capitale

il capitale è una potenza

il capitale si trasforma in proprietà

c’è una trasformazione

il carattere si trasforma

la proprietà perde il carattere

noi veniamo al lavoro

il prezzo è il minimo

i mezzi sono necessari

i mezzi mantengono in vita l’operaio

l’operaio s’appropria qualcosa

qualcosa è sufficiente

l’operaio riproduce l’esistenza

noi aboliamo l’appropriazione

l’appropriazione lascia un residuo

l’appropriazione conferisce potere

noi eliminiamo il carattere

l’operaio vive

l’operaio accresce il capitale

l’interesse esige qualcosa

il lavoro è un mezzo

il lavoro moltiplica il lavoro

il lavoro amplia il ritmo

il lavoro arricchisce il ritmo

il ritmo progredisce

il passato domina sul presente

il presente domina sul passato

il capitale è indipendente

il capitale è personale

l’individuo è dipendente

l’individuo è impersonale

la borghesia chiama abolizione l’abolizione

per libertà s’intende il commercio

per libertà s’intende la compravendita

il traffico scompare

le frasi hanno senso

voi inorridite

noi aboliamo la proprietà

la proprietà è abolita

la proprietà esiste

voi ci rimproverate qualcosa

noi aboliamo la proprietà

la proprietà presuppone la privazione

voi ci rimproverate qualcosa

noi vogliamo questo

il lavoro si trasforma in capitale

il lavoro si trasforma in denaro

il lavoro si trasforma in rendita

il lavoro si trasforma in una potenza

la proprietà si converte in proprietà

voi dichiarate qualcosa

la persona è abolita

voi confessate qualcosa

voi intendete il borghese per persona

voi intendete il proprietario per persona

la persona è abolita

il comunismo toglie il potere a qualcuno

qualcuno si appropria i prodotti

il comunismo toglie il potere

qualcuno si assoggetta il lavoro

si obietta qualcosa

l’attività cessa

la pigrizia prende piede

la società va in rovina

qualcuno lavora

qualcuno guadagna

qualcuno guadagna

qualcuno lavora

lo scrupolo sbocca nella tautologia

c’è capitale

c’è lavoro

si muovono obiezioni al sistema

si estendono le obiezioni alla appropriazione

si estendono le obiezioni alla produzione

la proprietà cessa

la produzione cessa

la cultura cessa

il cessare è identico alla fine

egli rimpiange la perdita

la cultura è la preparazione

tutti diventano macchine

voi discutete con noi

voi misurate l’abolizione

le idee sono prodotti

il diritto è la volontà

il contenuto è dato

voi condividete l’idea

voi trasformate in leggi i rapporti

qualcosa vi è permesso

voi comprendete qualcosa

gli estremisti si riscaldano

gli estremisti parlano dell’intenzione

la famiglia si basa su qualcosa

la famiglia si basa sul capitale

la famiglia si basa sul guadagno

una famiglia esiste

la famiglia ha un complemento

la famiglia cade

il complemento cade

entrambi scompaiono

voi ci rimproverate qualcosa

noi aboliamo lo sfruttamento

noi confessiamo il delitto

voi dite qualcosa

noi sostituiamo l’educazione all’educazione

noi aboliamo i rapporti

la società determina l’educazione

i rapporti determinano l’educazione

voi educate

i comunisti inventano l’influenza

i comunisti si limitano a qualcosa

i comunisti cambiano il carattere

i comunisti strappano l’educazione all’influenza

la fraseologia diventa nauseante

i vincoli si lacerano

si trasformano i figli in articoli

la borghesia ci grida qualcosa

voi volete qualcosa

voi introducete la comunanza

il borghese vede uno strumento

il borghese sente qualcosa

qualcuno dice qualcosa

si sfruttano gli strumenti

il borghese fa qualcosa

qualcosa viene in mente al borghese

la sorte colpisce le donne

il borghese sospetta qualcosa

si abolisce la posizione

c’è qualcosa

i borghesi provano orrore

i comunisti hanno bisogno di qualcosa

i comunisti introducono la comunanza

la comunanza esiste

i borghesi hanno a disposizione le mogli

i borghesi hanno a disposizione le figlie

i borghesi trovano un divertimento

i borghesi si seducono le mogli

il matrimonio è la comunanza

si rimprovera qualcosa ai comunisti

i comunisti introducono la comunanza

qualcosa è ovvio

la comunanza scompare

la comunanza deriva dall’abolizione

si rimprovera qualcosa ai comunisti

i comunisti aboliscono la patria

i comunisti aboliscono la nazionalità

gli operai hanno una patria

si toglie qualcosa agli operai

gli operai hanno qualcosa

il proletariato fa qualcosa

il proletario si conquista il dominio

il proletariato si eleva

il proletariato costituisce se stesso in nazione

il proletariato è nazionale

le separazioni scompaiono

gli antagonismi scompaiono

il dominio fa qualcosa

le separazioni scompaiono

gli antagonismi scompaiono

l’azione è una condizione

si abolisce lo sfruttamento

l’antagonismo scompare

la posizione scompare

le accuse meritano qualcosa

si discutono le accuse

si fanno le accuse al comunismo

c’è bisogno di comprensione

qualcuno capisce qualcosa

le idee cambiano

le opinioni cambiano

i concetti cambiano

la coscienza cambia

le condizioni cambiano

le relazioni cambiano

l’esistenza cambia

la storia dimostra qualcosa

la produzione si trasforma

le idee sono le idee

si parla di idee

le idee rivoluzionano una società

si esprime qualcosa

gli elementi si formano

la dissoluzione procede

il mondo è al tramonto

le religioni vincono le religioni

le idee soggiacciono alle idee

la società combatte una lotta

le idee sono un’espressione

si dice qualcosa

le idee si modificano

la religione si conserva

la morale si conserva

la filosofia si conserva

la politica si conserva

il diritto si conserva

ci sono le verità

le verità sono comuni agli stati

il comunismo abolisce le verità

il comunismo abolisce la religione

il comunismo abolisce la morale

il comunismo trasforma le verità

il comunismo trasforma la religione

il comunismo trasforma la morale

il comunismo si mette in contraddizione

si hanno svolgimenti

l’accusa si riduce a qualcosa

c’è una società

la storia si muove

i contrasti hanno un aspetto

lo sfruttamento è dato di fatto

lo sfruttamento assume una forma

c’è qualcosa

qualcuno si meraviglia di qualcosa

la coscienza si muove

le forme si dissolvono

la rivoluzione è una rottura

si rompe con le idee

noi lasciamo stare le obiezioni

noi vediamo qualcosa

il passo consiste nel fatto

il proletariato s’eleva

il proletariato adopera il dominio

il proletariato strappa il capitale alla borghesia

il proletariato accentra gli strumenti

il proletariato moltiplica la massa

ciò avviene

le misure appaiono insufficienti

le misure appaiono consistenti

le misure si spingono al di là

le misure sono inevitabili

le misure sono differenti

si applicano i provvedimenti

le differenze scompaiono

la produzione è concentrata

il potere perde il carattere

il potere è il potere

una classe opprime una classe

il proletariato si unisce

il proletariato si fa classe

il proletariato abolisce i rapporti

il proletariato abolisce le condizioni

il proletariato abolisce il dominio

una associazione subentra alla società

lo sviluppo è condizione dello sviluppo

l’aristocrazia è chiamata a qualcosa

l’aristocrazia scrive libelli

l’aristocrazia soggiace al nuovo venuto

c’è qualcosa

si pensa alla lotta

una lotta rimane all’aristocrazia

la fraseologia è impossibile

l’aristocrazia desta la simpatia

l’aristocrazia è costretta a qualcosa

l’aristocrazia distoglie gli occhi dagli interessi

l’aristocrazia formula l’atto

l’aristocrazia prepara la soddisfazione

l’aristocrazia intona invettive

l’aristocrazia mormora profezie all’orecchio

il socialismo sorge

il socialismo colpisce la borghesia

il socialismo ha un effetto

il socialismo comprende il corso

gli aristocratici impugnano la bisaccia

gli aristocratici agitano la bisaccia

gli aristocratici raggruppano il popolo

il popolo segue gli aristocratici

il popolo vede i blasoni

il popolo si sbanda

una parte offre lo spettacolo

i feudali dimostrano qualcosa

il sistema è diverso

i feudali dimenticano qualcosa

i feudali esercitano lo sfruttamento

le circostanze fanno il loro tempo

le condizioni fanno il loro tempo

i feudali dimostrano qualcosa

il proletariato esiste

i feudali dimenticano qualcosa

la borghesia è un rampollo

i feudali celano il carattere

qualcosa è un’accusa

una classe si sviluppa

una classe fa qualcosa

l’ordine salta in aria

i feudali rimproverano qualcosa alla borghesia

la borghesia genera un proletariato

la borghesia produce un proletariato

i feudali prendono parte alle misure

i feudali si adattano a qualcosa

i feudali raccolgono le mele

i feudali barattano la fedeltà

i feudali barattano l’amore

i feudali barattano l’onore

il prete si accompagna al signore

il socialismo si accompagna al socialismo

qualcosa è facile

si dà una tinta all’ascetismo

il cristianesimo se la prende con la proprietà

il cristianesimo se la prende con il matrimonio

il cristianesimo se la prende con lo stato

il cristianesimo predica la beneficenza

il cristianesimo predica la mendicità

il cristianesimo predica il celibato

il cristianesimo predica la mortificazione

il cristianesimo predica la vita

il cristianesimo predica la chiesa

il socialismo è l’acquasanta

il prete benedice la rabbia

l’aristocrazia è una classe

la borghesia abbatte l’aristocrazia

le condizioni deperiscono

le condizioni si estinguono

la borghesia è un precursore

l’ordine è un precursore

la classe vegeta

la civiltà si sviluppa

la borghesia si forma

la borghesia è una parte

la concorrenza precipita i membri nel proletariato

i membri vedono qualcosa

il momento si avvicina

i membri scompaiono

i sorveglianti sostituiscono i membri

i domestici sostituiscono i membri

la classe costituisce la popolazione

qualcosa è naturale

gli scrittori scendono in campo

gli scrittori usano la scala

gli scrittori prendono partito

il socialismo si forma

il socialismo anatomizza le contraddizioni

il socialismo smaschera gli eufemismi

il socialismo dimostra gli effetti

il socialismo dimostra la concentrazione

il socialismo dimostra la sovraproduzione

il socialismo dimostra le crisi

il socialismo dimostra la rovina

il socialismo dimostra la miseria

il socialismo dimostra l’anarchia

il socialismo dimostra le sproporzioni

il socialismo dimostra la guerra

il socialismo dimostra la dissoluzione

il socialismo restaura i mezzi

il socialismo restaura i rapporti

il socialismo restaura la società

il socialismo rinchiude i mezzi

i mezzi fanno qualcosa

i rapporti saltano

il socialismo è reazionario

il socialismo è utopistico

la tendenza finisce in depressione

la letteratura sorge

la letteratura è un’espressione

si introduce la letteratura

la borghesia comincia la lotta

i filosofi s’impadroniscono della letteratura

i filosofi dimenticano una cosa

le condizioni emigrano

gli scritti vengono

la letteratura perde il significato

la letteratura assume un aspetto

la letteratura appare una speculazione

le rivendicazioni hanno un senso

le rivendicazioni sono rivendicazioni

le manifestazioni hanno un significato

la volontà è così

il lavoro consiste in qualcosa

i letterati concordano le idee con la coscienza

i letterati si appropriano le idee

l’appropriazione avviene

si usa una maniera

ci si appropria una lingua

qualcosa è noto

i monaci ricoprono i manoscritti di storie

i manoscritti contengono le opere

i letterati usano un procedimento

i letterati scrivono le sciocchezze

i letterati scrivono qualcosa

i letterati battezzano l’insinuazione

si evira la letteratura

la letteratura esprime la lotta

il tedesco è consapevole

il tedesco supera l’unilateralità

il tedesco si fa rappresentante

l’uomo appartiene alla classe

l’uomo appartiene alla realtà

l’uomo appartiene al cielo

il socialismo prende sul serio le esercitazioni

il socialismo strombazza le esercitazioni

il socialismo perde l’innocenza

il movimento diventa serio

la lotta diventa seria

si offre un’occasione al socialismo

il socialismo contrappone le rivendicazioni al movimento

il socialismo lancia gli anatemi

il socialismo predica qualcosa alla massa

la massa ha qualcosa

la massa guadagna qualcosa

la massa perde qualcosa

il socialismo dimentica qualcosa

il socialismo è l’eco

la critica presuppone la società

si conquistano i presupposti

il socialismo serve ai governi

la borghesia avanza

il socialismo costituisce il complemento

i governi rispondono alle insurrezioni

il socialismo diventa un’arma

il socialismo rappresenta un’interesse

la borghesia è un’eredità

la borghesia riaffiora

la borghesia costituisce il fondamento

la conservazione è la conservazione

la borghesia teme la rovina

il socialismo prende entrambi i piccioni con una fava

il socialismo si diffonde

i socialisti avviluppano le verità

la veste aumenta lo spaccio

il socialismo riconosce la vocazione

il socialismo è il rappresentante

il socialismo proclama la nazione

il socialismo conferisce un senso all’abiezione

l’abiezione significa il contrario

il socialismo trae le conseguenze

il socialismo prende posizione

il socialismo proclama la superiorità

qualcosa circola

qualcosa appartiene alla sfera

una parte desidera qualcosa

la parte porta rimedio agli inconvenienti

gli economisti rientrano nella categoria

i filantropi rientrano nella categoria

gli umanitari rientrano nella categoria

i miglioratori rientrano nella categoria

gli organizzatori rientrano nella categoria

i protettori rientrano nella categoria

i fondatori rientrano nella categoria

i riformatori rientrano nella categoria

si elabora il socialismo

noi citiamo qualcosa

i borghesi vogliono le condizioni

le lotte derivano dalle condizioni

i pericoli derivano dalle condizioni

i borghesi vogliono la società

gli elementi rivoluzionano la società

gli elementi dissolvono la società

i borghesi vogliono la borghesia

la borghesia si raffigura il mondo

la borghesia domina

il socialismo elabora l’idea

il socialismo invita il proletariato a qualcosa

il proletariato mette in atto i sistemi

il proletariato entra in gerusalemme

il socialismo pretende qualcosa dal proletariato

il proletariato rimane fermo

il proletariato rinuncia alle idee

il proletariato si fa un’idea della società

il socialismo cerca qualcosa

il socialismo fa qualcosa

alla classe passa la voglia del movimento

il socialismo argomenta qualcosa

il cambiamento è utile alla classe

il socialismo intende l’abolizione

il socialismo intende i miglioramenti

i miglioramenti si svolgono

i miglioramenti cambiano qualcosa al rapporto

i miglioramenti diminuiscono le spese

la borghesia sostiene le spese

i miglioramenti semplificano il bilancio

il socialismo giunge all’espressione

il socialismo diventa una figura

questa è la parola

il socialismo consiste nell’affermazione

i borghesi sono borghesi

noi parliamo della letteratura

la letteratura esprime le rivendicazioni

il proletariato fa qualcosa

l’interesse vale

i tentativi falliscono

le condizioni sono un prodotto

la letteratura accompagna i movimenti

la letteratura è reazionaria

la letteratura insegna l’ascetismo

la letteratura insegna l’egualitarismo

i sistemi emergono

noi esponiamo qualcosa

gli inventori vedono l’antagonismo

gli inventori vedono l’efficacia

gli inventori vedono l’attività

gli inventori vedono il movimento

lo sviluppo va di pari passo con lo sviluppo

gli inventori trovano le condizioni

gli inventori vanno in cerca di una scienza

gli inventori vanno in cerca delle leggi

gli inventori creano le condizioni

l’attività subentra all’attività

le condizioni subentrano alle condizioni

l’organizzazione subentra all’organizzazione

gli inventori escogitano la società

la storia si dissolve

gli inventori sono coscienti

gli inventori sostengono qualcosa

il proletariato esiste

la classe soffre

qualcosa è inerente alla forma

gli inventori credono qualcosa

gli inventori sono superiori

gli inventori migliorano la situazione

gli inventori fanno appello alla società

gli inventori fanno appello alla classe

si comprende il sistema

si riconosce il sistema

gli inventori respingono l’azione

gli inventori raggiungono la meta

gli inventori tentano qualcosa

gli inventori aprono la strada

gli esperimenti falliscono

la descrizione corrisponde all’impulso

il proletariato è sviluppato

il proletariato intende la posizione

gli scritti consistono di elementi

gli scritti attaccano le fondamenta

gli scritti forniscono il materiale

il materiale illumina gli operai

le proposizioni esprimono la scomparsa

l’antagonismo si sviluppa

gli inventori conoscono l’antagonismo

le proposizioni hanno un senso

l’importanza sta in rapporto allo sviluppo

la lotta si sviluppa

la lotta prende forma

la lotta perde valore

la lotta perde giustificazione

gli autori sono rivoluzionari

gli scolari costituiscono le sette

gli scolari tengono ferme le opinioni

gli scolari cercano qualcosa

gli scolari smussano la lotta

gli scolari conciliano gli antagonismi

gli scolari sognano la realizzazione

gli scolari sognano l’istituzione

gli scolari sognano la creazione

gli scolari fanno appello alla filantropia

gli scolari cadono nella categoria

gli scolari si distinguono dai socialisti

gli scolari si oppongono al movimento

il movimento procede dalla mancanza

qualcuno reagisce contro qualcuno

si dice qualcosa

qualcosa appare ovvio

il rapporto è qualcosa

i comunisti lottano

i comunisti raggiungono i fini

i comunisti raggiungono gli interessi

i comunisti rappresentano l’avvenire

i comunisti si alleano al partito

i comunisti rinunciano al diritto

i comunisti appoggiano i radicali

i comunisti disconoscono qualcosa

gli elementi costituiscono il partito

i socialisti costituiscono il partito

i borghesi costituiscono il partito

i comunisti appoggiano il partito

il partito fa d’una rivoluzione la condizione

il partito promuove l’insurrezione

il partito combatte

la borghesia prende una posizione

il partito prepara una coscienza

il partito sviluppa una coscienza

qualcosa è possibile

i lavoratori rivolgono le condizioni contro la borghesia

la borghesia crea le condizioni

la lotta comincia

i comunisti rivolgono l’attenzione

la germania è alla vigilia della rivoluzione

la germania compie un rivolgimento

la rivoluzione è un preludio

i comunisti appoggiano il movimento

i comunisti mettono in rilievo il problema

il problema assume una forma

i comunisti lavorano al collegamento

i comunisti lavorano all’intesa

i comunisti sdegnano qualcosa

i comunisti nascondono le opinioni

i comunisti nascondono le intenzioni

i comunisti dichiarano qualcosa

si raggiungono i fini

le classi tremano

i proletari hanno le catene

i proletari perdono le catene

i proletari hanno un mondo

i proletari guadagnano il mondo

i proletari si uniscono

…….

…….

…….

Frasi semplici risultanti dall’analisi lessico-sintattica del Manifesto del Partito Comunista, ed. Einaudi 1948.

Da Pasquale Polidori, Hot Marx/Cold Marx, 2006.

http://www.pasqualepolidori.com/opere.html#slide-opere-hot_marx