Archivi mensili: giugno 2019


KS THE MAN WHO SMILED TOO MUCH #13 La lezione-concerto del 2 giugno

Il 2 giugno 2019 si è svolta al Macro Asilo la lezione-concerto che ha concluso il mese di laboratorio. Ecco una selezione di fotografie scattate da Enrico Colantoni e il pdf dell’opuscolo che ha accompagnato la performance. . SCARICA QUI IL PDF DEL PROGRAMMA KS TheManWhoSmiledTooMuch_booklet .            

IMG_8982

62114067_524745214727170_7456537630763646976_o

KS THE MAN WHO SMILED TOO MUCH #12 Baby Bitter

. Nel campo di internamento sull’isola di Man (Hutchinson Camp), destinato per lo più ai tedeschi residenti in Inghilterra o che vi arrivavano come rifugiati, c’era un fervido ambiente culturale, che la prigionia rendeva più sensibile e solidale. Infatti il campo era detto ‘campo degli artisti’, poiché ospitava una percentuale significativa di letterati, musicisti, pittori, e persone interne al lavoro artistico, come ad esempio, il corniciaio Paul Levi, a cui si deve l’impostazione intellettuale e modernisticamente aggiornata del concetto di cornice; oppure il gallerista Max Stern, che nel campo partecipò all’organizzazione di un paio di mostre, dove finirono per essere rappresentate tutte quelle tendenze in Germania soppresse in quanto ‘degenerate’. La sera, professori di diverse discipline provenienti da tutte le università inglesi, si riunivano per non perdere l’abitudine a pensare, e tenevano anche delle lezioni in una zona del campo appositamente riservata all’attività accademica. Kurt partecipava a queste riunioni, e secondo la testimonianza dell’artista, scrittore e curatore Edouard Léon Théodore Mesens, co-direttore della London Gallery, vicino a Schwitters negli anni inglesi e suo collezionista: “Era qui che Kurt dava tutta la misura del suo talento.” Non solo mettendo in atto le sue capacità di performer, ma continuando a lavorare ai […]